Thursday, January 23, 2014

Come e' cominciato



Per sapere come e' iniziato il Modern patch ci si deve riferire al loro sito ufficiale, che ha reso formale 
nell'ottobre del 2009 a Los Angeles questo nuovo movimento e ha fondato l'associazione chiamata The Modern Quilt Guild. Andando a rileggere la loro nascita, mi rendo conto che a quel tempo io avevo gia' notato dei cambiamenti in stile e avevo acquistato due libri di autori che avevano interpretato il patch tradizionale in modo diverso, adattandolo ai cambiamenti di stile estetici in generale.
Le mode passano, ma gli stili che riflettono il cambiamento che troviamo nella societa' a tutti  i livelli, ci dicono che il tempo passa e quello che era, non e' piu' consono all'oggi.
Gia' alla fine degli anni '90 l'artista tessile Denyse Schmidt viene notata a livello nazionale negli Usa e i suoi quilts definiti "chic ed esteticamente modernisti". Questi erano quilts utili, concepiti per l'impiego giornaliero, ispirati ai modelli tradizionali, ma con un'estetica semplice, quasi minimalista. Nel 2002 i quilts di Gee's Bend in mostra al Museum of the Fine Arts di Huston, Texas e il lavoro pubblicato dell'artista Yoshiko Jinzenji nel libro Quilt Artistry, insieme al libro "Denise Schmidt Quilts" e a quello dei coniugi Weeks Ringle e Bill Kerr  "Modern quilt workshop" nel 2005 , ispirarono un piccolo gruppo di quilters dallo spirito modernista. Il crescente uso del web, la nascita di una gran quantita' di blogs e il desiderio di novita' dettato dai cambiamenti, ha fatto si' che le nuove leve (e anche quelle meno nuove) desiderassero creare quilts con un nuovo stile, piu' semplice e utilitario che rispecchiasse il loro stile di vita e non quello delle loro nonne o zie.
Nel 2008 il gruppo Flickr  "Fresh Modern Quilts" ha riunito le quilters che sentivano questa necessita' e alla velocita' della luce, un nuovo movimento nasceva senza realmente saperlo.
La nascita formale della Modern Quilt Guild ha dato modo di materializzare questo stile e di dare una collocazione fisica alle quilters che desideravano riunirsi non solo con i social media, i "Chapters" (cellule anche se la parola mi piace poco personalmente) presero vita in tutti gli stati del Nord America e subito anche nel resto del mondo.

La definizione che viene data di un Modern quilt dalla Modern Quilt Guild e' la seguente:
" I quilts moderni sono primariamente complementi funzionali e sono ispirati dal Modern design. Le Modern Quilters lavorano in modi diversi e definiscono il modern quilting in maniere diverse, ma vi sono delle particolari caratteristiche che che contraddistinguono un quil moderno queste possono essere: l'uso di colori e fantasie forti e ben definite, l'uso dei tessuti solids, l'uso di patchwork improvviso, senza un modello predefinito e matematicamente progettabile, l'uso del minimalismo e degli ampi spazi negativi e cioe' di un solo tessuto quiltato poi in modo estensivo e lineare strettamente a macchina, pannelli al posto dei blocchi. Una definizione piu' recente chiama il movimento Modern Traditionalism in quanto ispirandosi alla tradizione, non la si riproduce, ma la si ridefinisce rendendola cosi' attuale.

Una setta? Non sia mai!!!!! Le quilters che lo praticano sono di tutti i generi e molte fanno tanti stili di patch, non solo il modern.

Noi arriviamo, non offendiamoci bensi' impariamo da questo, un po' tardi come al solito, con un po' di sospetto, considerando a volte un sacrilegio smettere o alternare la quiltatura a mano a quella a macchina, cercando a volte qualcosa di semplice e fresco e veloce da fare, ma sentendoci in colpa se non impieghiamo una vita nella progettazione, taglio e realizzazione.

Non so voi, ma trovo che qui (perdonate l'intervento di moglie di pastore quale sono) il libero arbitrio vada esercitato e che ognuno faccia quello che desidera senza essere "purista". Mi piacciono ancora i quilts tradizionali infatti ne ho la casa piena, adoro il contemporaneo il mio vero amore patch, resto esterrefatta dall'art quilt, ma ultimamente desidero realizzare semplici quilts e avvicinarmi al modern e' stato facile, la mia vita in questo momento lo richiede, un po' per noia un po' per esigenza di cambiamento, un po' per la mia indole per natura curiosa e aperta alle cose nuove.

Il pezzo nel post e' intitolato "Words and Lines", l'ho cucito quest'estate ed e' un modern. Chi desidera capirne di piu' vada ai links e al mio account Pinterest alla Board "Modern quilts".


Se sei arrivato a leggere fin qua, forse ti interessa essere al corrente su questo nuovo modo di fare patch, forse lo vuoi provare. Attenzione,  e' semplice, ma non semplicistico, ha le sue regole e se non vengono rispettate, non otterrai il risultato cercato.

Nelle settimane a venire qua troverai considerazioni, links utili, libri nuovi tutti sul Modern.
Purtroppo c'e' ancora confusione a riguardo nel patch italiano, il mio intento non e' parlare da un pulpito (e via con l'intervento della moglie del pastore...) ma capire quello che ancora e' da scoprire pienamente. Le pioniere del Modern lo dicono anche loro, il movimento sta crescendo come un fuoco divampante e staranno a vedere dove arrivera'. Intanto noi, proviamo cose nuove e divertiamoci!

A presto, always stitching
Roberta

2 comments:

gabriella said...

che bello leggere questa spiegazione molto invitante...il pezzo è stupendo...prepara subito un corso!!! buon lavoro with love....

Jennifer Manefield said...

Bello, chiaro Roberta. Sarà interessante vedere l'evolversi delle carateristiche del Modern Italian. Avendo visto in giro per anni dei lini artigianli italiani,largamente ignorati, mi chiedo se l'innata eleganza italiana darà uno stampo suo ai lavori che veranno prodotti nei prossimi anni? Spero di sì!